Fayez El Ghossein (1883 - 1938)

Fayez El Ghossein (1883 - 1938)

Fayez nasce nel 1883 in un villaggio della Siria ottomana, a El Sharaeh. E’ figlio di uno sceicco della tribù Sulut e come tale, a quattordici anni, è inviato a Costantinopoli per compiere gli studi inferiori. Si iscrive poi a giurisprudenza e diviene avvocato. E' nominato kaimakam (vice-prefetto) a Mamuret Ul Aziz, nel distretto di Kharput, ma tre anni dopo decide di ritornare a Damasco per dedicarsi alla libera professione.

Durante la grande guerra è arrestato con l'accusa di appartenere a un'associazione segreta in lotta per la libertà e l’indipendenza dei territori arabi dall’Impero Ottomano e di avere contatti con gli inglesi. Condannato da una corte marziale alla pena capitale, viene risparmiato e trasferito ad Erzerum in esilio.

Lungo il tragitto, da Damasco ad Aleppo, a Severek, incontra più volte le colonne di deportati armeni, ne annota gli orrori e le sofferenze, gli incontri con i loro carnefici e con i dirigenti del "Comitato Unione e Progresso". A Diarbekir il viaggio non può continuare perché i russi avanzano. Rimane sei mesi nella regione, dove raccoglie le confidenze di ufficiali turchi, di funzionari, notabili, persone influenti, degli stessi armeni, cittadini ottomani, testimoni. Vede le carovane dei deportati, assiste a uccisioni, stupri, assassinii di ragazze e bambini.

Riesce a fuggire e a raggiungere Bassora, controllata dagli inglesi a cui chiede protezione. La famiglia non sa più nulla di lui. Gli inglesi lo inviano in India, a Bombay e poi a Jeddah, in Arabia Saudita, dove incontra Sharif El Hussein di cui diviene consigliere. Conosce Lawrence d’Arabia che lo ricorderà frequentemente nel suo celebre libro I sette pilastri della saggezza. Con Feisal, figlio di Sharif, e Lawrence, Fayez lavora per l’indipendenza araba e finita la guerra si stabilisce a Damasco.

Viene nominato giudice della corte criminale di Margieh, ma lascia l’incarico per problemi di coscienza e prosegue l'attività come avvocato, con due mogli e numerosissimi figli, fino alla morte nel 1938. E’ sepolto nel cimitero di El Sharaeh.

La sua terra tombale è stata tumulata a Yerevan nel Muro della Memoria di Dzidzernagapert il 23 aprile 2005.

Fayez El Ghossein ha scritto 4 libri, tra cui le sue memorie, uno dei primi documenti coevi che testimoniano il genocidio degli armeni ad opera del governo dei "Giovani Turchi". Il testo di circa 50 pagine - scritto in arabo nel 1915 e pubblicato nel 1916 - è una requisitoria semplice e coraggiosa di un beduino fedele ai precetti dell'Islam, indignato per le atrocità turche che lo hanno indotto a denunciare il male, frutto di mostruosi calcoli politici e contrario agli insegnamenti della religione musulmana.

Attualmente nel villaggio di El Sharaeh, in Siria, quasi tutti gli abitanti portano il nome di El Ghossein. Il figlio Kussei, settantacinquenne, abita ancora la casa paterna, un palazzo signorile con una sala a colonne. Sulla parete di fondo è appesa la foto di Fayez con il turbante e accanto l’albero genealogico della tribù beduina dei Sulut, ora diventata sedentaria.

Uno storico di fama mondiale, Justin Mc Carthy, ha sostenuto che Fayez El Ghossein non è mai esistito: sarebbe stato inventato dagli armeni nella battaglia contro il negazionismo, per sostenere la veridicità del genocidio armeno!

preview

Produzioni multimediali per presentare personaggi, storie, luoghi, eventi che hanno segnato la storia dell'Europa e delle regioni ai suoi confini.
Interviste, film, documentari, mostre, trailer.

preview

Istituti di ricerca privati e pubblici, associazioni culturali, musei, memoriali, dedicati alla memoria e alla storia del proprio passato e dell'Europa, divisi per nazione.
Recapiti,  link e immagini.

preview

Documenti in originale riprodotti per la consultazione.
Fonti autografe, lettere, diari, dediche, fotografie, frontespizi, articoli d'epoca, messaggi, fonogrammi, autorizzazioni e ordini governativi, militari e amministrativi, altri reperti archivistici.

Wefor è il sito dedicato alle figure di resistenza morale ai totalitarismi. I Giardini virtuali dei Giusti d'Europa e la sezione didattica YouFor sono l’anima di questo progetto realizzato da Gariwo, la foresta dei Giusti. Con l’istituzione della Giornata europea dei Giusti da parte del Parlamento di Bruxelles, Wefor ha trovato il suo più alto riconoscimento.