English version | Cerca nel sito:

Giovanni Palatucci resta Giusto

pronunciamento di Yad Vashem

Le polemiche seguite alla pubblicazione nel 2013, sul New York Times, di alcune dichiarazioni del Centro Primo Levi che mettevano in discussione i salvataggi compiuti dal Questore di Fiume sembrano placarsi. Infatti il Memoriale ebraico della Shoah ha riesaminato le prove sul comportamento del poliziotto italiano e ha concluso che Palatucci, con suo zio monsignor Giuseppe Maria, vescovo di Campagna, salvò veramente gli ebrei. 
"Non sussiste alcuna novità", infatti, "che giustifichi una revisione del riconoscimento di Giusto fra le nazioni conferito a Giovanni Palatucci", ha comunicato il prof. David Cassuto della Commissione dei Giusti di Yad Vashem allo scrittore e storico della Shoah Roberto Malini. Il quale ha dichiarato: "Le prove sono numerose e inoppugnabili. Il revisionismo sulle figure dei Giusti è un fenomeno grave e incomprensibile, che nega il valore delle testimonianze e spalanca le porte al negazionismo. 
Chi è al corrente dei protocolli che Yad Vashem segue, prima di riconoscere un Giusto fra le nazioni, sa bene quanto essi siano scrupolosi e quali evidenze siano necessarie prima che si giunga alla decisione da parte della Commissione".

Il caso Palatucci era rimbalzato sulle pagine dei giornali quasi come caso di "furberia italica": il Questore non avrebbe salvato il numero di ebrei che era stato dichiarato, sarebbe stato in realtà ligio agli ordini superiori, avrebbe perfino salvato una signora ebrea per un oscuro interessamento amoroso (ma non si sarebbe messo in salvo lui, osserva Angelo Picariello su Avvenire). In realtà, a riflettori spenti, il suo comportamento giusto è ora fuori discussione

18 febbraio 2014

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




A Yad Vashem

il primo "Giardino dei Giusti"

Il Giardino dei Giusti di Gerusalemme è sorto nel 1962 presso il Mausoleo di Yad Vashem, il luogo della memoria della Shoah, in applicazione del punto 9 della sua legge istitutiva, approvata dal parlamento israeliano nel 1953, che recita:

"Con la presente legge è istituita la fondazione Yad Vashem a Gerusalemme, per commemorare (…) i giusti tra le nazioni, che hanno rischiato la loro vita per aiutare degli ebrei."

Per commemorare i Giusti tra le Nazioni viene scelto di piantare degli alberi di carrubo. Nasce il Viale dei Giusti, che si allargherà nel giardino omonimo.
Nel 1963 viene istituita la Commissione dei Giusti per scegliere le persone a cui assegnare l'onorificenza e dedicare l'albero. Nella sua attività la Commissione ha nominato circa ventimila giusti.

leggi tutto

Giusti tra le Nazioni

La Commissione dei Giusti

per assegnare l'onorificenza a Yad Vashem

La storia

Jan Karski

Cercò invano di avvertire le Grandi Potenze della Shoah