English version | Cerca nel sito:

Russia, dissidente rapito da Kiev

era in Ucraina per chiedere asilo politico

Come nella Guerra Fredda, Mosca ha mandato alcuni agenti a prelevare dalla capitale ucraina Leonid Razvozzhayev, collaboratore dell'oppositore Sergej Udaltsov sotto torchio per un video che lo accusa di avere intascato fondi illeciti per "fomentare disordini". 

L'uomo, membro del Fronte di sinistra, si trovava a Kiev per informarsi circa la possibilità di ottenere asilo politico alla locale agenzia ONU per i rifugiati dopo essere finito nella lista nera degli "organizzatori di disordini pubblici" a Mosca. Secondo una sua denuncia resa all'uscita di un'aula di tribunale a Mosca sarebbe stato rapito dagli agenti dei "servizi di sicurezza" russi (forse membri dell'FSB, ex KGB), portato oltre confine e torturato. 


Le circostanze della sua detenzione tuttavia rimangono oscure perché Razvozzhayev ha ritrattato la denuncia delle torture subite. Ha invece firmato una confessione secondo cui avrebbe partecipato a un complotto golpista finanziato dall'estero


Secondo la polizia russa l'uomo si sarebbe consegnato spontaneamente. Gli Stati Uniti hanno espresso "preoccupazione" al governo russo e domandato "un esame accurato dei fatti". L'attivista è detenuto nel carcere di Lefortovo


Il Ministro degli Interni ucraino Volodymir Polischuk ha dichiarato: "Non si tratta di un caso penale, ma di una questione di interazione tra i servizi di sicurezza, della quale non sappiamo nulla". Ha invitato i giornalisti della BBC a rivolgersi al suo collega degli Esteri, il quale ha declinato ogni commento. 

25 ottobre 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Totalitarismi

la negazione dell'Uomo nel secolo delle ideologie

Nell'esperienza storica del Novecento emergono due fenomeni speculari e produttivi delle peggiori tragedie del secolo: il fascismo - nella sua versione estrema di nazismo - e il comunismo - nella sua versione estrema di stalinismo. 
Entrambi sorretti da una straordinaria e dirompente potenza "ideale" in grado di trasformarsi in forza materiale: l'ideologia, intesa come capacità di fornire una visione complessiva del mondo che spieghi ogni risvolto della vita dell'uomo e gli attribuisca un senso rigidamente inquadrato in quella visione, dalla quale non si può prescindere senza perdere la propria stessa essenza.

leggi tutto