English version | Cerca nel sito:

Persecuzioni > Fondamentalismo e terrorismo

"La Shoah tra passato e futuro"

Qanta Ahmed, medico britannica di origine pakistana, è sia membro fondatore di Muslim Voices, un'associazione che si batte contro l'islamofobia, sia attiva nel Next generation Council for USC Shoah Foundation. Proponiamo una sua toccante testimonianza di come si possa essere arabi e nemici dell'antisemitismo.


Persecuzioni > Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Gli yazidi in trappola

Gli yazidi sono un gruppo etnico-religioso che vive da secoli nelle montagne dell'Iraq. Erano in tutto 500.000, ma molti sono ormai fuggiti in Occidente. Oggi sono 40 mila e sono quasi tutti sotto assedio nella zona montuosa del Sinjar, che è la loro culla oggi divenuta la loro prigione, forse mortale.


Persecuzioni > Genocidio armeni

Sul chiamare i genocidi "massacri"

Israel Charny e Yair Auron sono stati invitati dal governo armeno a partecipare alla Commemorazione del Centenario del Genocidio Armeno a Yerevan, nell'aprile 2015. Presentiamo tradotto un loro articolo sull'importanza che Israele riconosca il "Grande Male" quale genocidio


Persecuzioni > Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Nigeria, liberate altre 234 donne

Sono 234 le donne e i bambini liberati in Nigeria dall’esercito governativo, che li ha sottratti dalle mani dei miliziani di Boko Haram. Le prigioniere, una volta soccorse, hanno iniziato a raccontare i terribili giorni della loro detenzione.


Giusti > Resistenza mafia

Pio La Torre, un giusto caduto per la giustizia e la legalità

In questi giorni ricorre l’anniversario dell’uccisione di Pio La Torre, di cui c’è memoria nel Giardino dei Giusti di Pistoia. La sua vita rimane l’ esempio luminoso di impegno etico e politico per la difesa dei diritti dei più deboli e della legalità. Di Mauro Matteucci


Persecuzioni > Genocidio armeni

Questione armena: se questo non è un genocidio

Dire che solo allo sterminio degli ebrei può essere applicata la parola genocidio è "storicamente falso e moralmente inaccettabile". Alessandro Litta Modignani replica così a Sergio Romano, che non riconosce come genocidio la strage degli armeni da parte dell'Impero Ottomano ai primi del '900.


Giusti > Testimoni di verità

Gli appelli al mondo di Armin T. Wegner

A pochi giorni dalla pubblicazione del nuovo libro di Gabriele Nissim La lettera a Hitler sul Giusto tedesco, che osa scandagliare Wegner anche nei suoi affetti e nei suoi intimi tormenti, esce in Germania Rufe in die Welt, la raccolta dei manifesti e delle lettere aperte di questo protagonista del Novecento. 


Persecuzioni > Genocidio ebrei

"Aldo Carpi. Arte, vita, Resistenza"

Inaugurata a Milano la mostra dedicata al pittore, docente e poi direttore dell'Accademia di Brera, che nei suoi scritti e dipinti ha testimoniato l'orrore della deportazione a Gusen. Antonio Ferrari e Alessia Rastelli hanno ripercorso la sua vita in un reportage sul Corriere della Sera


Persecuzioni > Diritti umani e crimini contro l'Umanità

"Libri contro i fondamentalisti"

Alla Conferenza Internazionale delle Donne per la Pace che si tiene a L'Aja, la Premio Nobel iraniana Shirin Ebadi domanda: "Se invece di colpire l'Afghanistan militarmente avessimo lanciato libri, la situazione non sarebbe forse migliore, soprattutto per l'educazione femminile?".


Persecuzioni > Genocidio armeni

Memorie dei sopravvissuti e analisi storica

Il genocidio armeno nelle testimonianze individuali e nella ricostruzione dei fatti storici, con uno sguardo ai Giusti, che non rimasero indifferenti ai massacri, e alla situazione del patrimonio artistico armeno in Turchia. Se ne è parlato in un convegno a Milano nel centesimo anniversario dello sterminio. 


Il libro

Un Giusto contro l'indifferenza

A cento anni dal Genocidio Armeno esce il nuovo libro del presidente di Gariwo su Armin T. Wegner, il primo e più importante testimone dello sterminio del popolo armeno. Giusto per gli armeni e per gli ebrei, lo scrittore tedesco ha inviato una lettera di protesta a Hitler che ha segnato la sua esistenza. Torturato dalla Gestapo e costretto all'esilio, ha passato in Italia, tra Roma, Positano e Stromboli, il resto della vita.

Gabriele Nissim a Mattino Cinque
per la presentazione del libro
Rassegna stampa
su "La lettera a Hitler"

La notizia

A Parigi per la Giornata europea dei Giusti

Gabriele Nissim, presidente di Gariwo, con Marc-Henri Fermont, nipote di Moshe Bejski, ideatore del Giardino dei Giusti di Yad Vashem, ha incontrato al Quai d'Orsay Patrizianna Sparacino-Thiellay, diplomatica francese, ambasciatrice per i diritti dell'Uomo. Al centro dell'incontro, l'impegno per promuovere la Giornata europea dei Giusti in Francia.


Il libro

Un Giusto, non un falsario

Il giornalista americano Dalbert Hallstein ha dedicato la sua ultima fatica alla figura di Angelo Rotta, nunzio apostolico della Santa Sede a Budapest durante la seconda guerra mondiale, che salvò migliaia di ebrei dallo sterminio.


L'appuntamento

I Giusti, la responsabilità istituzionale

Venerdì 8 maggio al "Bosco dei Giusti" di Solaro verranno piantati tre nuovi alberi dedicati a Mustafa Azizoglu, Gabriele Moreno Locatelli, Lazar Manojlovic, agli uomini dell'operazione "infinito" e Roberto Antiochia. Interverranno Pietro Kuciukian, Annamaria Samuelli, un rappresentante del Coordinamento Comasco per la pace, il Capitano Cataldo Pantaleo, il Capitano Mansueto Cosentino, Jole Garuti e Roberto Della Rovere.


L'intervista

Intervista a Pietro Kuciukian

Pietro Kuciukian, console onorario d'Armenia in Italia e cofondatore di Gariwo, sulle celebrazioni per questa importante ricorrenza e la sua ricerca sulle figure dei Giusti turchi ottomani che aiutarono gli armeni durante il genocidio nel 1915.


Flash News: