English version | Cerca nel sito:

Persecuzioni > Fondamentalismo e terrorismo

Istanbul colpita

Il sanguinoso attacco terroristico all’aeroporto di Istanbul coglie la Turchia di sorpresa, proprio mentre stava festeggiando l’accordo raggiunto con Israele, e sottolinea la persistente vulnerabilità del paese. L’accordo, firmato a Roma, segna la fine del contenzioso tra i due paesi. Analisi di Janiki Cingoli


Persecuzioni > Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Affrontare i problemi con il cuore aperto

Il 6 marzo 2015 abbiamo dedicato un albero al Giardino dei Giusti di Milano ad Alganesh Fessaha, attivista impegnata nel soccorso dei migranti. Abbiamo parlato con Alganesh di accoglienza e integrazione, e della speranza che, di fronte a chi fugge da guerre e violenze, non ci si dimentichi della dignità umana. 


Persecuzioni > Totalitarismi

Il calvario di un dissidente di Hong Kong

Lam Wing-kee fa il libraio, di quelli che vendono libri dove si espongono gli scandali della politica di Pechino. Queste pubblicazioni non solo sono legali, ma sono anche dei best-seller nella Regione Autonoma. Eppure nella capitale cinese non hanno gradito. E sono piovuti arresti, torture e incarcerazioni.


Persecuzioni > Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Il razzismo della polizia tedesca

Un rapporto di Amnesty International pubblicato il 9 giugno 2016 denuncia un aumento delle violenze contro i richiedenti asilo, dal 2013 a oggi, di ben 16 volte. Sotto accusa il "razzismo istituzionale" delle forze di polizia tedesche, che sarebbe causa di impunità per questi delitti. 


Persecuzioni > Diritti umani e crimini contro l'Umanità

​La musica di Bach

Da stamattina, purtroppo, il re appare completamente nudo: del resto con le stupide concessioni fatte a Cameron a febbraio (nell'inutile speranza di frenare la Brexit e creando un'ulteriore discriminazione tra gli Stati membri), la Gran Bretagna era già di fatto un'altra cosa… Di Francesco Cataluccio


Cultura > Educazione

"Non sarà facile!"

A Juba, in Sud Sudan, la prima classe per sordi profondi pone nuove sfide e pianta il seme dell'associazionismo dei genitori nella regione. La loro inattesa partecipazione, insieme ai visibili progressi dei ragazzi, danno motivo di speranza. Di Rita Sidoli


Cultura > Memoria

Pensieri sparsi

"Una pace futura potrà essere tale solo se prima sarà stata trovata da ognuno in se stesso - se ogni uomo si sarà liberato dall'odio contro il prossimo e l'avrà trasformato, alla lunga, in amore". Queste le parole di Etty Hillesum, oggi spunto per una nuova strategia di introspezione come antidoto all'ondata di intolleranza. Di Nadia Neri


Persecuzioni > Negazionismo

Negazionismo, prevenire o reprimere?

È triste dover ritornare ancora una volta sul reato di negazionismo, ma l’approvazione recente alla Camera, dopo che il Senato aveva già approvato dal canto suo una versione rivisitata del decreto che da anni gira tra le due sedi parlamentari, impone un commento. Che non può che essere totalmente negativo. Di Marcello Flores


Persecuzioni > Negazionismo

"Chi nega non ignora"

Dopo una lunga navette con il Senato, la Camera ha approvato la legge che inserisce nell’ordinamento penale italiano il reato di negazionismo. Ne abbiamo parlato con Donatella di Cesare, filosofa e Docente all’Università La Sapienza di Roma, che ha seguito da vicino l'iter della legge.


Giusti > Difesa della dignità umana

Finché non saremo liberi

Come si evince dal sottotitolo Iran La mia lotta per i diritti umani, Shirin Ebadi, premio Nobel per la Pace nel 2003, racconta la propria storia e quella dell’Iran nel terzo millennio. Le sue battaglie si intrecciano alla sua vita personale e familiare, sempre più compromessa col passare del tempo.. Di Tea Camporesi


Un Giardino dei Giusti a Tunisi

Il primo in un Paese arabo

Il 15 luglio, all’interno dell’Ambasciata d’Italia a Tunisi, Gabriele NissimAbdessatar Ben MoussaRaimondo De Cardona dedicheranno i primi alberi del Giardino a quattro Giusti arabi e musulmani che, a rischio della vita, hanno lottato contro la persecuzione, il terrorismo e per la difesa dei diritti umani: Khaled al-Asaad, Hamadi ben Abdesslem, Mohamed Buazizi, e Khaled Abdul Wahab.

Un Giardino dei Giusti a Tunisi
contro la paura e il terrorismo

I Giusti onorati

Khaled al-Asaad
Il custode di Palmira
​Mohamed Nasseur ben Abdesslem (Hamadi)
la guida che ha salvato gli italiani al Bardo
Mohamed Bouazizi
il giovane che ha dato il via alle Primavere arabe
Khaled Abdul Wahab
arabo tunisino che salvò degli ebrei durante la Shoah

Gli alberi di Tunisi per i Giusti arabi

Gli alberi di Tunisi per i Giusti arabi

Nella sua rubrica Voci dal Vicino Oriente su CorriereTv, Antonio Ferrari parla dell'inaugurazione del Giardino dei Giusti di Tunisi, prevista per il prossimo mese di luglio, all'interno dell'Ambasciata italiana - frutto del lavoro congiunto di Gariwo e della Farnesina. 


l'analisi

L'assimilazione non è un pericolo

editoriale di Anna Foa, storica e docente all'Università La Sapienza di Roma, 16 giugno 2016

Anche nell’età dei ghetti gli ebrei italiani hanno avuto intensi rapporti con il mondo esterno. A non consentire una netta separazione erano fattori molto più profondi delle mura che li rinchiudevano. È così che le mura dei ghetti non impedivano quella netta separazione che il villaggio ebraico, lo shtetl, pur senza mura, invece favoriva, con la diversità della lingua, degli abiti, dei modelli di vita. Di rischio di assimilazione non si parlava proprio...


Difendi i Giusti al Monte Stella

La riqualificazione del Giardino

Negli anni il Giardino dei Giusti di Milano è diventato un punto di riferimento per la città. Il 13 ottobre 2015 la Giunta comunale ha approvato il progetto di riqualificazione del Giardino dei Giusti di Milano. Siamo ora in attesa del pronunciamento del TAR sul ricorso presentato da Comitati del no e Italia Nostra.


Flash News: