English version | Cerca nel sito:

Persecuzioni > Diritti umani e crimini contro l'Umanità

"Reato parlare il linguaggio della libertà"

La giornalista siriana Yara Bader ha scritto al Guardian per chiedere la liberazione del marito Mazen Darwish del Syrian Center for Media and Freedom of Expression, in carcere in condizioni disumane a Hama. 


Giusti > Soccorritori

Angelo Rotta, soccorritore a Budapest

Dalbert Hallenstein collabora con molte testate tra cui l'International Herald Tribune. Ora compie ricerche sui Giusti e ci ha voluto anticipare i contenuti del suo prossimo saggio, dedicato al nunzio apostolico Angelo Rotta che, nel 1944-'45 a Budapest, salvò numerosi ebrei. Una storia di coraggio che si inscrive nello spinoso dibattito sul ruolo di Papa Pio XII durante la Shoah. 


Persecuzioni > Fondamentalismo e terrorismo

Yemen, raid aerei sauditi contro i ribelli

Funzionari del governo yemenita hanno smentito la notizia della fuga del presidente Hadi da Aden, ma l'avanzata dei ribelli houthi, che hanno occupato la vicina base aerea di Al Anad, ha accentuato il caos nel Paese e provocato l'intervento militare dell'Arabia Saudita e degli alleati.


Persecuzioni > Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Quello "sgomento" pagato con il carcere

Una corte dell'Oman ha condannato l'attivista per i diritti umani Said Jaddad a tre anni di reclusione per aver "minato il prestigio dello Stato", in seguito alla sua attività online, che comprende anche la stesura di una lettera aperta al Presidente USA, in cui criticava le politiche americane nel Golfo.


Persecuzioni > Fondamentalismo e terrorismo

Hamadi ben Abdelssalam, "angelo custode" di Tunisi

Nelle ore successive all’attacco al Parlamento e al Museo del Bardo di Tunisi si sono moltiplicati i racconti dei sopravvissuti e dei tanti testimoni, per la maggior parte turisti stranieri.
 È emersa così la storia di Hamadi ben Abdelssalam, guida turistica del gruppo di italiani in visita nella capitale tunisina.


Giusti > Giornata Europea dei Giusti

Evento speciale “Onorare i Giusti" a Neve Shalom

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la relazione che Dyana Rizek, direttrice del Museo/Galleria e Archivio di Neve Shalom-Wahat el Salam, ha scritto sull'incontro con Gariwo per la prima Giornata europea dei Giusti tenutasi in Israele, per onorare i Giusti del conflitto tra palestinesi e israeliani. 


Persecuzioni > Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Il futuro incerto di Israele

Pubblichiamo di seguito l'articolo di Antonio Ferrari, comparso sul Corriere della Sera il 18 marzo 2015, a commento dell'esito delle elezioni israeliane che hanno visto vincitore Benjamin Netaniahu.


Persecuzioni > Fondamentalismo e terrorismo

Progetto Mosul

Dopo avere assistito alle immagini della distruzione del Museo di Mosul, gli archeologi volontari Matthew Vincent e Chance Coughenour hanno lanciato un appello in Rete per salvare almeno digitalmente le opere. Ora possono già contare sulle stesse tecnologie che utilizza il British Museum.


Persecuzioni > Genocidio Cambogia

Ritrovarsi grazie alla televisione

Un programma televisivo in Cambogia raccoglie gli appelli di chi ancora sta cercando i propri cari dispersi durante il genocidio dei Khmer Rossi, e dal 2010 è riuscito a riunire decine di famiglie.


Giusti > Giornata Europea dei Giusti

Il 6 marzo in Italia

Le celebrazioni della Giornata europea dei Giusti hanno visto la partecipazione di numerose città italiane, che attraverso incontri, conferenze, spettacoli, documentari, libri e nuovi Giardini, hanno reso omaggio a tutti coloro che si sono battuti e si battono contro i genocidi e in difesa della dignità umana.


La rubrica della settimana

L'intervista

Intervista a Giovanni Chinnici

Giovanni Chinnici

Il figlio di Rocco Chinnici, magistrato ucciso dalle cosche il 29 luglio 1983 per aver gettato le basi di quelli che sarebbero poi diventati i pool antimafia, racconta l'impegno del padre e descrive il suo rapporto con la città di Palermo.


Il nuovo Best of di Gariwo

Best of Febbraio - Maggio 2015

È disponibile online il nuovo numero del Best of di Gariwo, la raccolta degli approfondimenti - riflessioni, articoli, foto, storie, interviste - selezionati dalla redazione.


L'immagine

Nel nome di Farkhunda

Durante i funerali di Farkhunda, la ragazza afghana linciata e uccisa perché accusata di aver bruciato una copia del Corano, alcune donne hanno deciso di portare in spalla la bara della giovane, togliendola di mano agli uomini e sfidando le abitudini afghane.


Il video

Ecco come si reclutano i terroristi

Ecco come si reclutano i terroristi

Nella rubrica Voci dal Vicino Oriente, l'editorialista del Corriere della Sera Antonio Ferrari parla del reclutamento dei foreign fighters - citando il reportage di Elisabetta Rosaspina su Sette -, dopo l'attacco al Museo del Bardo di Tunisi e le violenze in Yemen.


l'analisi

Kaludka, la donna coraggiosa che preservò la memoria di Peshev

editoriale di Gabriele Nissim, presidente di Gariwo, 16 marzo 2015

Kaludka Kiradzieva, la nipote di Dimitar Peshev, ci ha lasciato. Insieme a sua sorella Kicka, si prese cura per anni del vicepresidente del parlamento bulgaro, artefice del salvataggio degli ebrei ma condannato dal regime comunista come antisemita e nemico del popolo. Lei ha continuato a difendere la verità sulla figura di suo zio, con la stessa dolcezza e determinazione con cui l’aveva accudito nei momenti della sua persecuzione.
Il suo sorriso mi mancherà.


Flash News:

Il libro

Sottomissione

Michel Houellebeqc

La storia

Alghanesh Fessaha

una donna in soccorso dei migranti in Africa e a Lampedusa