English version | Cerca nel sito:

Distinguere tra buonismo e responsabilità

di Antonio Ferrari

Le matite alzate durante una manifestazione a Helsinki

Le matite alzate durante una manifestazione a Helsinki Foto Afp

La mia mente, il cuore, la ragione e la passione sono innervate di libertà assoluta. Ecco perchè, come giornalista e come incrollabile sostenitore dei valori europei, provo orrore per quanto è accaduto mercoledì a Parigi, con il brutale massacro dei colleghi di Charlie Hebdo. Non ci sono giustificazioni, non ci sono se e non ci sono ma. Ci può essere solo ribrezzo per la brutale crudeltà dei terroristi, che hanno massacrato persone indifese: giornalisti e disegnatori che, ogni settimana, si lanciavano in un urlo provocatorio, sempre dissacrante e spesso violento, contro tutto e contro tutti.

Il giorno dell'odioso attentato mi hanno però irritato alcuni commenti, come quello che sia quasi una colpa ritenere inopportuni, intollerabili e spesso volgari e sgradevoli i contenuti di Charlie Hebdo, e di conseguenza (è la conseguenza di questi commenti) trovare qualche giustificazione all'Islam, scivolare insomma nel buonismo. Ma per favore! Cominciamo dall'a.b.c., distinguendo tra buonismo e senso di responsabilità, di quella responsabilità che sembra un valore perduto. L'attrazione viscerale per i giudizi sommari è pericolosissima.
Un grande Paese democratico, gli Stati Uniti d'America, ferito gravemente dall'attentato alle Torri gemelle, ha reagito commettendo gravi errori, che oggi vengono apertamente riconosciuti da chi li ha commessi: la guerra all'Iraq è stata un fallimento, alimentato da disonorevoli bugie, e ora ci ha portato l'Isis, l'armata dei manigoldi di Al Baghdadi. E poi la prigione di Guantanamo è stato un grave autogol. Il presidente Barak Obama sta cercando di chiuderla, ma per ora non c'è riuscito.

Oggi il terrorismo punta sull'Europa, e bisogna reagire con dura fermezza. Siamo tutti "Charlie", allora? Personalmente faccio un distinguo: mi trovo d'accordo con il presidente del Consiglio Matteo Renzi, che va all'ambasciata di Francia e dice "Siamo tutti francesi". Sono pronto a difendere il diritto di Charlie Hebdo di pubblicare ciò che vuole, ma voglio avere il diritto di dire - politicamente scorretto o corretto non mi importa nulla -, che certe intollerabili volgarità non mi piacciono. Anzi, le trovo ributtanti e offensive.

Ho sempre pensato, e nessuno mi farà cambiare idea, che la mia libertà si ferma quando mette in pericolo la libertà e la sensibilità degli altri. In poche parole, ritengo che estremizzare al massimo la provocazione (in questo caso gli insulti di carattere religioso: consiglierei chi ha la memoria corta di leggersi la Costituzione americana) sia un grave errore. E poi la satira mi deve accendere un sorriso. La vignetta che paragona il Corano alla merda non mi fa ridere. È offensiva, anzi è un conato di imbecillità. Mi infastidisce quanto leggere bestemmie o vedere immagini volgari su Gesù Cristo e sua madre Maria.

Si dirà: ma questo, per un laico, non è rilevante. No, e poi no. L'Italia sarà di sicuro meno laica della Francia, ma da noi bestemmiare pubblicamente è un reato. Vi è poi l'obbligo di non offendere la sensibilità altrui. Trascinare all'estremo, in un momento delicatissimo, la volgarità di una libera espressione è molto pericoloso. Considero lo Stato islamico di Al Baghdadi la più feroce jattura, e l'estremismo di tanti neo-terroristi europei il nemico più devastante. Se siamo onesti e realisti, dobbiamo assolutamente distinguere fra manipoli di feroci assassini e il vero Islam, che rappresenta oltre un miliardo e 300 milioni di persone. Se facessimo confusione, ascoltando i nemici della convivenza, i sostenitori del populismo di bassa lega e i nemici dell'Unione europea e dei suoi valori, ci garantiremmo una sicura patente di imbecillità. Se fossimo convinti che un miliardo e 300 milioni di persone sono nostri nemici, i quali non vedono l'ora di ammazzarci, beh, saremmo costretti a vivere per sempre con una sola compagna: la paura.

No, non è così e non può essere così. Pur colpiti dall'orrore di Parigi, dobbiamo restare freddi e respingere, con determinazione, l'onda mefitica di chi ci vorrebbe trascinare nel baratro di un conflitto di culture, anzi nel buco nero del conflitto di civiltà. Rinunciare al dialogo, abbracciare il nazionalismo o il populismo, e abbattere i ponti tra popoli e religioni sarebbe il vero crimine.

Antonio Ferrari, editorialista del Corriere della Sera

Analisi di Antonio Ferrari, editorialista del Corriere della Sera

9 gennaio 2015

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




I volti delle vittime dell'attentato a "Charlie Hebdo"

tra loro anche Charb, direttore del settimanale

Scopri tra gli Editoriali

Il libro

Eretica

Ayaan Hirsi Ali

Multimedia

La strage di Piazza Fontana

in un servizio del telegiornale su RaiTre

La storia

Khalida Toumi Messaoudi

algerina, ministro della Comunicazione e della Cultura nel 2001