Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/coraggio-civile/hashem-aghajari-3107.html
Gariwo

Hashem Aghajari (1957)

storico perseguitato per aver criticato gli ayatollah

Invalido della guerra Iran – Iraq del 1980, diventa Professore di Storia all'università di Teheran. Membro attivo del movimento riformista denominato “Organizzazione dei Mujaheddin della Rivoluzione Islamica”, è condannato a morte per apostasia nel 2002 dopo avere messo in discussione il governo teocratico e l'obbedienza cieca ai leader religiosi, in particolare per aver detto che i musulmani non dovrebbero seguire “come scimmie” le guide islamiche.

La sua condanna suscita vaste manifestazioni studentesche di protesta, a seguito delle quali “la guida suprema” Ayatollah Khamenei ordina il riesame giudiziario del caso. Nel 2003, il portavoce del tribunale istituito per il nuovo giudizio, Gholamhussein Elham, dichiara che correggerà i vizi procedurali, ma non il contenuto della prima sentenza. A causa dell'ostilità preconcetta della Corte, Aghajari si rifiuta di presenziare all'udienza e chiede il trasferimento del processo.

Nel giugno dello stesso anno, Aghajari risulta tra i 250 intellettuali firmatari di una dura dichiarazione in cui si accusano i leader religiosi dell'Iran di essersi sostituiti a Dio. Nel 2004, in seguito a una vasta mobilitazione internazionale, la sua condanna a morte viene commutata in una condanna a otto anni di prigione. Viene rilasciato nello stesso anno a seguito delle continue pressioni e manifestazioni in suo favore.

Nel 2003 la Foundation for Moral Courage gli ha assegnato il premio Jan Karski.

Giardini che onorano Hashem Aghajari

Trovi un albero nel Giardino Virtuale Storie Gariwo.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

L’enciclopedia dei Giusti - Coraggio civile

coloro che si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.