Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Don Enzo Boni Baldoni 1906 - 1972

il parroco di Toano che ha salvato gli ebrei

Don Enzo seduto alla sinistra del vescovo

Don Enzo seduto alla sinistra del vescovo

Vincenzo Boni Baldoni nasce a Cavriago, provincia di Reggio Emilia, nel settembre del 1906 da una famiglia di modeste condizioni economiche e già durante la Prima Guerra Mondiale rimane orfano di madre. La parrocchia in cui cresce è quella di San Nicolò, dove riveste grande importanza l’associazionismo cattolico. Anche il padre di Enzo ne è attivista fino alla fondazione del Partito Popolare Italiano, nelle cui liste viene eletto consigliere comunale di Cavriago nel 1920 e nel 1923. 
Finite le scuole elementari, Enzo entra in seminario e viene ordinato sacerdote nel 1931. Dopo una parentesi come canonico a Sassuolo, nel 1938 diventa parroco di Toano sull’Appennino reggiano. Già nel 1940 lascia tracce del suo coraggio negli appunti per un’omelia, concludendo, con parole assai significative: eterno riposo ai morti di guerra; conforto agli esuli, ai prodighi, dispersi, prigionieri; pace con giustizia. Si tratta di un invito che preannuncia i comportamenti futuri e contrasta con quei parroci che auspicano sì la pace, ma con la “vittoria delle nostre armi”. 
Con l’8 settembre 1943 la situazione diventa drammatica: fino alla primavera del ‘44 tutti i paesi dell’Appennino sono presidiati dai fascisti e anche dopo la liberazione di ampie zone da parte dei partigiani continua la caccia agli ebrei da deportare nei campi di sterminio. Don Enzo ospita molti fuggitivi e si adopera per far giungere viveri e coperte nei boschi: nella primavera del1944 un gruppo di paesani vi sopravvive per quindici giorni proprio grazie al suo intervento. Tra le testimonianze più toccanti, quella della famiglia ebrea di Enzo Modena, sfollato da Milano con la moglie Ester e i due figli Vittorio e Bruno. Ester viene arrestata durante un rastrellamento tedesco e condotta al “Centro antiribelli” di Ciano d’Enza, dove tanti partigiani vengono torturati e uccisi. I nazisti non capiscono che si tratta di un’ebrea, in quanto ha documenti falsi e mutato il cognome in Bianchi. Di fronte alla disperazione del marito, Don Enzo interviene presso il centro e riesce a ottenere il rilascio della donna senza neppure utilizzare la grossa cifra offerta dai familiari. 
Il prete di Cavriago agisce nel massimo riserbo e mantiene contatti solo con i massimi dirigenti del CNL, come il Commissario generale della Divisione partigiana Centro-Emilia Davide, (l’avv. Osvaldo Pioppi), tanto che gli stessi partigiani della zona nutrono sospetti sui suoi rapporti con i nazifascisti. 
Solo dopo la Liberazione, un’indagine della Corte d’Assise straordinaria di Reggio, che ha il compito di giudicare i crimini fascisti e gli episodi di collaborazionismo, rivela il vero ruolo di Don Enzo. Nel decennale della Liberazione, il parroco riceve il riconoscimento della Comunità ebraica di Modena per l’aiuto fornito ad ebrei braccati dai nazisti e un attestato dell’Unione delle Comunità Ebraiche d’Italia con le firme dei massimi esponenti della Resistenza italiana.
Il 2 dicembre 1945 don Enzo viene nominato parroco di Villa San Bartolomeo, a pochi passi dal paese natìo. Muore dopo una lunga sofferenza per un male incurabile, nel maggio del 1972. 
Nel 2002 riceve la medaglia e l’attestato di “Giusto fra le Nazioni” alla memoria da parte dell’Istituto Yad Vashem di Gerusalemme.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Giusti tra le Nazioni nella Shoah

ricordati a Yad Vashem nel Giardino dei Giusti

Lo Stato d'Israele ha istituito negli anni '50 lo Yad Vashem, il Mausoleo di Gerusalemme per ricordare le vittime della "soluzione finale" voluta da Hitler. All'inizio degli anni '60 è sorta la "Commissione dei Giusti", con il compito di assegnare il titolo di "Giusto tra le Nazioni" a chi, non ebreo, ha salvato degli ebrei negli anni della persecuzione nazista e all'interno di Yad Vashem è stato creato il "Giardino dei Giusti", con un viale in cui ogni albero è dedicato a un giusto. Negli ultimi anni, per mancanza di spazio, l'albero è stato sostituito dal nome inciso nei muri di cinta del giardino.
La Commissione, presieduta per quasi trent'anni dal giudice della Corte Costituzionale Moshe Bejski, ha riconosciuto e documentato finora circa 20.000 giusti: tra questi ne abbiamo scelti alcuni.
Tuttavia, come ricordava spesso Bejski, i Giusti sono molti di più e il compito della Commissione è quello di individuarli e premiarli prima che il trascorrere del tempo cancelli per sempre le testimonianze e le altre prove documentali del loro gesto di aiuto. Il caso italiano dimostra la fondatezza della preoccupazione di Bejski: l'alto numero di ebrei scampati alla "soluzione finale" non è compatibile con i pochi giusti italiani riconosciuti a Gerusalemme (circa 500 a fine 2011). 

Per questo è importante segnalare i casi ancora sconosciuti e attivare il procedimento presso la Commissione per iniziare l'istruttoria che porti ad altre assegnazioni del titolo di "Giusto tra le Nazioni".

Storie segnalate

Storie Shoah

altre vicende esemplari raccontate su Gariwo