Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/shoah-e-nazismo/le-suore-di-san-giuseppe-di-chambery-24054.html
Gariwo

Le Suore di San Giuseppe di Chambery

nascosero molte bambine ebree nell'Istituto San Giuseppe al Casaletto

Storia segnalata da Liliana Picciotto

Nell'autunno del 1943 Lia Levi (allora dodicenne) viene accolta, con le sorelle minori Gabriella e Vera, e altre due bambine nel collegio di San Giuseppe al Casaletto diretto dalle Suore di San Giuseppe di Chambery. Tutte hanno un nome falso e fingono di essere cattoliche.

Con la retata lanciata dai tedeschi il 16 ottobre la situazione si fa drammatica per la comunità ebraica romana e altre trenta bambine ebree trovano rifugio nell'istituto, che ospita già anche disertori dell'esercito. Le suore riuniscono le piccole rifugiate in una camerata separata, consentendo loro di recitare le loro preghiere di rito e non facendo mancare gli alimenti, nonostante la scarsità delle provviste e la mancanza delle tessere annonarie per gli ebrei e i ricercati.

Nonostante le pressioni della polizia italiana e del comando tedesco, le suore si oppongono più volte alle perquisizioni.

Finita la guerra Lia Levi completa gli studi e diventa una delle fondatrici del giornale "Shalom", che ha diretto per oltre trent'anni, ed è autrice di libri e romanzi per bambini con la Shoah sullo sfondo.

Del periodo trascorso nel collegio Lia Levi ricorda in particolare madre Ferdinanda (Maria Corsetti) e la superiora madre Emerenziana (Anna Bolledi) per la loro generosità. 
Le suore sono state riconosciute come Giuste tra le nazioni dall'Istituto Yad Vashem il 4 agosto 1997.

L'esperienza della guerra e della salvezza grazie alle suore di San Giuseppe di Chambery è stata raccontata da Lia Levi nell'intervista data nel 2012 a Liliana Picciotto.


Bibliografia

Picciotto L., Salvarsi. Gli ebrei d'Italia sfuggiti alla Shoah. 1943-1945, Einaudi, Torino 2017.

Levi L., Una bambina e basta, Edizioni E/O, Roma 1994 (2a ed. 2010; nuova ed. HarperCollins Italia, Milano 2020).

Rai News, Intervista a Suor Emerenziana, 26 gennaio 2014.

Segnalate da Liliana Picciotto, storica della Shoah, responsabile di ricerca presso la Fondazione CDEC

Giardini che onorano Le Suore di San Giuseppe di Chambery

Le Suore di San Giuseppe di Chambery sono onorati nel Giardino di Maccarese - IISS.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

Contenuti correlati

L’enciclopedia dei Giusti - Shoah e nazismo

sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.