Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/shoah-e-nazismo/casa-di-riposo-dellesercito-della-salvezza-a-luserna-s-giovanni-24401.html
Gariwo

Casa di riposo dell’Esercito della Salvezza a Luserna S. Giovanni

che ha accolto e salvato la famiglia Bachi

La Casa di riposo dell’Esercito della Salvezza a Luserna S. Giovanni era frequentata da signore inglesi e tedesche di religione evangelica. Durante la Seconda Guerra Mondiale vi trovarono segretamente rifugio oppositori politici, renitenti alla leva ed ebrei. Tra questi, Carla Bachi e la sua famiglia. Carla nasce a Torino nel 1930 da Mario ed Elda Bassani. Il padre gestisce una piccola banca di cambio con la Francia, ma dopo l’emanazione delle leggi antiebraiche deve cedere l’attività e trova lavoro in un emporio. Carla è costretta a rinunciare a frequentare la scuola e rassegnarsi a proseguire gli studi a casa con la madre. Per motivi di lavoro del padre la famiglia si sposta a Torre Pellice, cittadina con una numerosa comunità valdese, che mostra solidarietà verso gli ebrei e ostilità al fascismo in particolare dopo l’Armistizio.

Nel 1943, viste le difficoltà economiche e la situazione sempre più pericolosa per gli ebrei, la famiglia Bachi, su consiglio di un amico, si trasferisce nella Casa di riposo a Luserna S. Giovanni che era anche sede di un comando partigiano. Tra i membri della Resistenza che Carla conosce c’è Emanuele Artom, giovane intellettuale studioso di storia antica e storia ebraica, vicino al movimento antifascista "Giustizia e Libertà" e iscritto al Partito d’Azione, che nel marzo sarà catturato e morirà per le torture.

La famiglia Bachi assume una falsa identità (Barbi il nuovo cognome) e il padre di Carla collabora con i partigiani. Nonostante il gran numero di persone che frequenta la casa di riposo nessuno rivela la vera identità dei membri della famiglia ebrea, che riesce ad evitare la deportazione.

Alla fine della guerra la famiglia Bachi torna a Torre Pellice e Carla resta in contatto con gli amici valdesi. Intervistata, nel febbraio 2010, da Liliana Picciotto (storica e responsabile di ricerca presso la Fondazione CDEC), Carla Bachi ha commentato: “Nessuno dell’ambiente della Casa di riposo ha avuto il riconoscimento di Giusto tra le nazioni, ma non l’avrebbero neanche voluto, perché per loro salvare ebrei e nascondere partigiani faceva parte del modo di pensare della signora tedesca, che dirigeva la casa, e in generale degli evangelici valdesi”.

Bibliografia

Salvarsi. Gli ebrei d'Italia sfuggiti alla Shoah. 1943-1945, a cura di Liliana Picciotto, Einaudi, Torino 2017;

Emanuele Artom, Diari di un paerigiano ebreo, a cura di Guri Schwarz, Bollati Boringhieri, Torino 2008, p.150 n.

Liliana Picciotto

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

L’enciclopedia dei Giusti - Shoah e nazismo

sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.